Stampanti del futuro: le tecnologie sono sempre più innovative

Stampanti del futuro le tecnologie sono sempre più innovative

Stampanti del futuro: le tecnologie sono sempre più innovative

Si potrebbe pensare che con la crescente digitalizzazione dei documenti il mondo della stampa sia entrato in crisi. In realtà, i dati dimostrano esattamente il contrario. La stampa è più viva che mai. Basti pensare che ogni anno nella sola Europa si stampano circa 982 miliardi di pagine.

Certamente, come sta avvenendo per ogni altra tecnologia, anche quello della stampa è un settore che sta conoscendo una rapida evoluzione verso nuove soluzioni e applicazioni che riguardano non solo la carta ma anche altri supporti.

In questo articolo scopriremo alcune delle più significative innovazioni che interesseranno la stampa e le stampanti del futuro. Un futuro che si delinea prospero di utili e vantaggiosi strumenti. Ci soffermeremo inoltre su alcune caratteristiche essenziali di cui si dovrà tener conto nella scelta della migliore stampante per l’ufficio.

 

Sommario dell’articolo:

Stampanti del futuro: le tecnologie sono sempre più innovative 

La stampa nanografica

Stampante del futuro con inchiostri a base acqua 

Stampanti 3D del futuro 

Il futuro delle stampanti 3D: le 4D   

Migliore stampante per l’ufficio: le caratteristiche più innovative 

Stampanti del futuro per l’ufficio: a che punto siamo? 

Noleggio stampanti per l’ufficio: le soluzioni di Elle Di Ufficio

 

 

 

La stampa nanografica

 

Una delle più grandi innovazioni che riguarderanno la stampa digitale del futuro sarà la nanografia, tecnologia creata dall’israeliano Benny Landa. Si tratta per l’esattezza di una nanotecnologia applicata alla stampa, ovvero un processo che si basa sulla manipolazione della materia su scala atomo-molecolare.

La nuova modalità usa l’inchiostro NanoInk™, uno speciale inchiostro a base acquosa per la stampa su supporti patinati, non patinati, imballaggi flessibili

e film per packaging. Il NanoInk™ è costituito da nanopigmenti, particelle di pigmenti grandi solo decine di nanometri in grado di assorbire la luce, permettendo di ottenere come risultato dei colori eccezionalmente brillanti e una elevatissima qualità d’immagine.

Da Landa proviene anche la tecnologia Nano-Metallography™, un metodo di nanotecnologia destinato al settore della stampa metallizzata. Rispetto alle tecniche tradizionali, il nuovo processo di metallizzazione risulta più semplice e più rapido, permettendo così di snellire la produzione delle stampe metallizzate e dimezzandone i costi. La metodologia appare vincente anche sul fronte ambientale, poiché a rifiuti zero.

Per ora la nanografia è disponibile solo per grandi formati. Il prossimo passo sarà di adattarla anche ai piccoli formati.

 

Stampante del futuro con inchiostri a base acqua

 

La stampante del futuro troverà tra le sue principali fonti di alimentazione gli inchiostri a base d’acqua. Pur essendo ancora agli inizi, siamo di fronte a una tecnologia che sta registrando una forte crescita anche in virtù della sua prerogativa eco-friendly.

Il focus al momento è soprattutto sulla stampa digitale dei prodotti destinati a entrare in contatto diretto con la pelle umana o con gli alimenti. Gli inchiostri a base acquosa sono quindi particolarmente legati a settori come l’industria del packaging che produce imballaggi alimentari ma vengono sempre più utilizzati anche in altri ambiti produttivi, per esempio quello dei giocattoli o della stampa su plastica e su legno.

Gli inchiostri ad acqua sono con ogni probabilità destinati a divenire uno standard non solo perché in linea con le crescenti esigenze di sostenibilità ambientale, ma anche per altri vantaggi che sono in grado di fornire. Questi prodotti, infatti:

  • Garantiscono colori particolarmente brillanti anche su cartone non-pretrattato;
  • Prevedono una bassa penetrazione nel supporto su cui vengono applicati.

 

Stampanti 3D del futuro

 

La stampa 3D, tecnologia utilizzata per realizzare oggetti tridimensionali mediante produzione additiva partendo da un modello 3D digitale, ha apportato un impulso innovativo di tale calibro da essere considerata da molti come l’inizio dell’industria 4.0., la quarta rivoluzione industriale.

Questa tipologia di stampa, infatti, offre la possibilità concreta di creare oggetti di ogni genere anche in serie, modificando i processi produttivi e abbattendo i relativi costi. Ma che cosa ci si aspetta dalle stampanti 3D del futuro?

Uno dei più grandi benefici assicurati dalla stampa 3D sarà quello di “democratizzare” la produzione. Sempre più persone avranno l’opportunità di creare un numero crescente di oggetti. Si apriranno inoltre nuove strade per l’innovazione in ambito industriale.

Sono molti infatti i settori che già da ora credono alle enormi potenzialità di questa tecnologia. Soffermiamoci a titolo esemplificativo su tre dei tanti ambiti che investono energie e speranze nella stampa 3D: la medicina, l’edilizia e l’automotive.

 

·        Stampa 3D in Medicina

Stampanti del futuro le tecnologie sono sempre più innovative - medicina

La stampa 3D sta conoscendo una diffusione capillare nel settore medico, con un crescente numero di possibili applicazioni che racchiudono tutte le prerogative per rivoluzionare l’assistenza sanitaria su scala mondiale. Vediamo alcuni tra i più interessanti risultati raggiunti finora o attualmente in fase di test.

            – Protesi e dispositivi medici

Rappresentano probabilmente una delle più note applicazioni della stampa 3D in ambito medico. La tecnologia 3D viene utilizzata per produrre oggetti su misura progettati per le specifiche esigenze dei pazienti.

Le stampanti 3D del futuro si troveranno a fronteggiare una sempre più ampia richiesta di queste implementazioni sanitarie. Si stima infatti che entro il 2020 il mercato globale dei dispositivi medici stampati in 3D raggiungerà ben 2,3 miliardi di dollari. (Dati della società Wise Guy Research).

            – Farmaci

Nel 2015, l’americana Food and Drug Administration (FDA) ha aperto la strada a una nuova applicazione della stampa 3D nel settore medico, approvando il primo farmaco stampato in 3D. A partire da quel momento, la ricerca ha dimostrato sempre più interesse nei confronti dei farmaci stampati in 3D.

L’industria farmaceutica ha intuito in particolar modo il grande potenziale che questa tecnologia può avere nella medicina personalizzata. Mediante la stampa 3D, infatti, si possono creare farmaci complessi e ottimizzati in base alle specifiche esigenze del paziente, migliorando così l’efficacia terapeutica, riducendo gli effetti collaterali e aumentando la sicurezza dei trattamenti. Come ulteriori vantaggi, i farmaci stampanti in 3D prevedono bassi costi di produzione e nessuna spesa per l’immagazzinamento.

            – Bioprinting

Il settore dell’ingegneria medica sta compiendo notevoli passi in avanti nell’uso della stampa 3D in combinazione con materiali biologici. Tanto che il bioprinting ha tutte le potenzialità per configurarsi come una delle rivoluzioni più importanti del panorama medico mondiale.

Attualmente, il bioprinting 3D viene utilizzato soprattutto per scopi di ricerca e per fabbricare tessuti umani relativamente semplici, come la pelle e la cartilagine. Per le stampanti 3D del futuro si prospetta tuttavia la possibilità di realizzare strutture organiche ancor più complesse.

 

·        Stampa 3D in edilizia

Nel settore dell’edilizia e dell’architettura, la stampa 3D viene principalmente utilizzata per creare plastici e modelli di edifici. Attualmente tuttavia le aspettative sono divenute più ambiziose, puntando sulla stampa di veri e propri immobili. Nel mondo non mancano rivoluzionari esempi. In America, Behrokh Khoshnevis ha ideato un metodo di costruzione con stampa 3D che, utilizzando un processo di deposizione di calcestruzzo strato per strato, arriva a realizzare un’intera abitazione di 2.000 mq in meno di un giorno.

La più grande stampante 3D per l’edilizia proviene invece dalla Russia. Lo speciale apparecchio, chiamato AMT-SPETSAVIA S-500, è costituito da una struttura metallica sostenuta da quattro pali che include un vero e proprio erogatore di cemento. Il dispositivo è capace di dar vita a un fabbricato alto fino a sei piani. Ma il progetto si spinge oltre. Tecnicamente, infatti, la stampante può estendere la propria capacità produttiva fino a 80 metri di altezza, arrivando a realizzare edifici di ben ventisei piani.

 

·        Stampa 3D nell’automotive

L’automotive è uno tra i settori più coinvolti dagli sviluppi della stampa 3D. Questa tecnologia consente alle case automobilistiche di concretizzare progetti importanti con tempi di consegna ridotti e a costi più bassi. Gli esempi nel mondo sono innumerevoli. Attraverso le stampanti 3D, Volkswagen ha riadattato un supporto per le finestre anteriori delle proprie vetture, che ora pesa il 74% in meno rispetto alla versione originale. La Porsche sta invece sfruttando l’innovativa tecnologia per produrre ricambi per le sue auto rare e classiche.

Al di là dell’evidente ottimizzazione di costi e tempistiche, a motivare l’interesse dei grandi Brand automobilistici nei confronti della stampa 3D sono anche le attuali preoccupazioni ambientali. L’attenzione verso questa tecnologia è in costante crescita. Secondo le stime di Global Market Insight, il mercato globale della stampa 3D nel settore automotive supererà infatti gli 8 miliardi di dollari entro la fine del 2024.

 

Il futuro delle stampanti 3D: le 4D

 

Quello delle stampanti 3D è un mondo che non smette di stupire. È stata infatti sperimentata la possibilità di produrre stampanti 4D, con l’aggiunta della quarta dimensione: il tempo. Attraverso questi dispositivi sarà possibile agire sull’oggetto creato anche in fase di post-stampaggio.

I prodotti realizzati con questa particolare modalità di stampa potranno cioè assumere forme diverse ed eventualmente ritornare a quella originaria in un momento successivo, attraverso la semplice pressione delle dita o mediante il contatto con il calore, l’umidità o altre fonti. Non può esserci esempio più stupefacente di stampante del futuro.

 

Migliore stampante per l’ufficio: le caratteristiche più innovative

 

L’ufficio continua a essere l’ambiente in cui la stampa trova una delle sue più diffuse applicazioni. Ma quali caratteristiche avranno le stampanti del futuro utilizzate in questo ambito professionale?

Con ogni probabilità l’attenzione sarà per prima cosa focalizzata sul risvolto green dei dispositivi. Alla migliore stampante per l’ufficio degli anni che verranno sarà richiesto di garantire il minor impatto ambientale possibile.

Le stampanti del futuro destinate all’ufficio dovranno innanzitutto essere resistenti e durevoli nel tempo. Dovranno risultare efficienti dal punto di vista energetico, in modo da ridurre le emissioni di CO2. I vari componenti degli apparecchi dovranno inoltre essere progettati in modo da risultare adatti al riciclo e al riutilizzo, in una piena ottica di economia circolare.

 

Stampanti del futuro per l’ufficio: a che punto siamo?

 

Prendersi cura del pianeta sotto il profilo ecologico è una sfida che diversi produttori tecnologici stanno accogliendo fin da ora. Non solo proponendo sul mercato dispositivi eco-friendly ma curando anche ogni dettaglio che ruota intorno a essi, a partire dall’eliminazione di sostanze pericolose nel processo produttivo fino all’utilizzo di packaging realizzati con materiali riciclati o biodegradabili.

Tra i grandi Brand che si dimostrano più sensibili sul fronte della salvaguardia ambientale, ricordiamo SharpDevelop.

In prospettiva delle sempre più pressanti esigenze di sostenibilità, è bene avvicinarsi all’uso di questi prodotti innovativi sul profilo ambientale sin da oggi. Il servizio di noleggio di stampanti per l’ufficio permette alle imprese di usufruire di apparecchi di ultima generazione a prezzi competitivi, mantenendoli in ufficio dai 24 ai 60 mesi.

Una volta scaduto il contratto, esiste inoltre la possibilità di passare a un modello più recente, in modo da restare sempre al passo con i rapidi sviluppi tecnologici. Il tutto, senza accrescere i costi gestionali dell’ufficio.

 

Noleggio stampanti per l’ufficio: le soluzioni di Elle Di Ufficio

 

Elle Di Ufficio è una realtà con sede a Buccinasco, in provincia di Milano, specializzata nell’Office Automation e nell’Information Technology.

Tra le tante proposte che forniamo alle aziende c’è anche il noleggio di stampanti per l’ufficio. Presso la nostra struttura puoi trovare le migliori soluzioni tecnologiche per la stampa che permetteranno di rendere la tua azienda competitiva e aggiornata.

Per qualsiasi informazione o per un preventivo personalizzato, contattaci.

Elle di Ufficio

Elle Di Ufficio è un’azienda con esperienza trentennale nel campo della fornitura di servizi e apparecchiature per l’ufficio come computer, stampanti, centralini, mobili. Nasce nel 1987 dall’unione di Office Automation e Information Technology e ha sede nella provincia di Milano

Contatti

Largo Brugnatelli 5/3 20090 Buccinasco (MI)

Telefono 02 45712919
Email info@ellediufficio.it

Orari
Lun - Ven 08:30 - 18:00